L’impiegato e il multiculturalismo…

Segue da: https://martinedentree.wordpress.com/2013/04/21/la-rabbia-di-buddy/

Io odio gli aeroporti, soprattutto gli arrivi, che odio solo meno degli arrivisti.

La partenza mi piace, quando mi trovo lì un’oretta prima.

Non perché sia una metafora di qualcosa che inizia, contro qualcosa che finisce. Non perché preferisco avere il futuro davanti, piuttosto che alle mie spalle. Ma perché ho una marea di tempo per leggere e girare i negozi di libri.

Oggi, però, non è una partenza ma un arrivo ed io, l’ho già detto, odio gli arrivi!

Cerco di divincolarmi tra la calca puzzolente e disordinata. Buddy scenderà domani: che culo è scendere nei giorni poco trafficati? Io, invece, mi ritrovo col tipico culo degli sfigati di fantozziana memoria.

Ci mancava solo il nuvolone piovigginoso, che mi ha accompagnato al mio arrivo a Linate e mi aspettava gentilmente qui a Capodichino e questo kebab con lo sguardo arrogante avanti a me nella fila dei taxi. Sarà musulmano? Non lo so, so solo che mi sembra di essere circondato da cipolle, peperoni, agnello e quant’altro si mette nel panino di mediorientale origine.

Finalmente, è quasi il mio turno. Il forse musulmano sale sul taxi accompagnato da “Nu Latitante”, base neomelodica, credo cantata da Tommy Riccio, che il tassista sembra apprezzare molto.

Appena salito, abbassa il finestrino. Poi, prima che il taxi parta, si rivolge all’autista chiedendogli, con voce stridula e forte accento arabo, di spegnere la radio. “Queste canzoni sono contrarie agli insegnamenti del profeta”.

A questo punto, il tassista spegne la radio, apre la porta e scende.

“Cosa stai facendo?” gli chiede l’arabo.

“I tiemp’ ro prufet, o’ prufet non pigliav manc o’ taxi. Picciò, scinn e aspiett o’ cammell!” risponde quello, aprendo la porta al musulmano stupefatto. (Ai tempi del profeta, il profeta non prendeva i taxi, quindi scendi e aspetta il cammello.)

em.il.

Continua qui: https://martinedentree.wordpress.com/2013/04/24/limpiegato-vs-platinette/

Pubblicato il 22 aprile 2013 su I racconti dell'impiegato. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

SyncRonyA

Benvenuto nel mondo del fantastico, ti aspettano film, serie TV, libri e qualche dritta per gli scrittori

tiropoderoso

In fase di lavorazione...sempre e comunque

Io, ateo

La fede solleva delle montagne; sì: delle montagne d’assurdità. (André Gide)

A Magical Place

Cinema, Serie TV, Fumetti, ed altro...

Il Trono di Spade

L'inverno sta arrivando.

librolandia

Con il nostro pensiero, noi creiamo giorno per giorno il mondo che ci circonda.

brrrainblog

Così è, se vi pare.

Not A Blog

Così è, se vi pare.

Il Disinformatico

Così è, se vi pare.

Haramlik

Così è, se vi pare.

Fuffologia

Fuffari e creduloni: se li conosci non ti uccidono

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: