Ipazia tra mito e realtà

E’ ormai nozione diffusa tra molte persone, molte delle quali ci credono con assoluta certezza, che Ipazia, filosofa, matematica nata ad Alessandria d’Egitto 15 secoli fa, sia stata ucciso su ordine di un vescovo cristiano di nome Cirillo.

Ho tentato di informarmi un po’ sull’argomento, per verificare quanto fossero fondate queste affermazioni e da quanto ho trovato c’è ben poco che giustifica una tale certezza nell’attribuire la colpevolezza al vescovo fatto poi santo.

Partendo dalle prime fonti, fu il filosofo pagano Damascio ad accusare Cirillo di aver tramato l’uccisione di Ipazia e questo accadde una novantina di anni dopo la morte della donna.

La prima e forse unica reale fonte storica sull’argomento è Socrate Scolastico; anch’egli richiama il nome di Cirillo, ma non lo fa attribuendogli responsabilità particolari riguardanti l’uccisione, a meno che non si consideri l’oltraggio un grave crimine. In cambio, questo storico chiarisce come il fatto, causato anche dall’astio nato dall’attrito tra il prefetto Oreste e il vescovo Cirillo, abbia provocato danni alla parte rappresentata da quest’ultimo.
Dai dati deducibili da Socrate Scolastico, sembra si possa affermare solo che Ipazia sia stata uccisa da un gruppo di cristiani dall’animo surriscaldato, convinti fosse lei a non permettere che Oreste si riconciliasse con il vescovo: sembra che la filosofa sia stata coinvolta in una strana trama politica (come testimoniato nella Historia Ecclesiastica) e, it is known, when you play the game of thrones, you win or you die, there is no middle ground.

Nei testi che trattano l’argomento (tra cui quello della Ronchey), si trovano altri “teste” considerati fonti storiche, faccio un breve sunto al riguardo:
a. Alcuni richiamano Denis Diderot (1713 – 1784), François-Marie Arouet più noto con lo pseudonimo di Voltaire (1694 –1778), Edward Gibbon (1737 – 1794) e Bertrand Arthur William Russell (1872 – 1970). Ho riportato le loro date di nascita per far comprendere come questi al massimo possano avere riportato opinioni o riferimenti a fonti, ma non possano essere loro stessi delle fonti, poiché Hypatia è nata intorno al 355 e morta nel 415.
b. Altra fonte richiamata è Giovanni di Nikiu, ma il passo delle sue Cronache è piuttosto tardivo (VII secolo) e le sue parole (oltre a sembrare un parziale plagio di quelle di Socrate) non accusano in maniera diretta Cirillo, ma lasciano aperta la strada a diverse interpretazioni (i.e. che dalla sua lotta abbiano preso spunto quegli infervorati che la uccisero o che le persone pensavano che fosse coinvolto semplicemente per l’astio politico che c’era tra i due personaggi, come confermato dall’analisi dell’Avvenire del 15 giugno 2010): “And, in those days, there appeared in Alexandria a female philosopher, a pagan named Hypatia, and she was devoted at all times to magic, astrolabes, and instruments of music, and she beguiled many people through Satanic wiles […] A multitude of believers in God arose under the guidance of Peter the Magistrate […] and they proceeded to seek for the pagan woman who had beguiled the people of the city and the Prefect through her enchantments. And when they learnt the place where she was, they proceeded to her and found her […] they dragged her along till they brought her to the great church, named Caesareum. Now this was in the days of the fast. And they tore off her clothing and dragged her […] through the streets of the city till she died. And they carried her to a place named Cinaron, and they burned her body with fire. And all the people surrounded the patriarch Cyril and named him ‘the new Theophilus’; for he had destroyed the last remains of idolatry in the city.” http://www.ccel.org/ccel/pearse/morefathers/files/nikiu2_chronicle.htm
c. Filostorgio: la “Storia ecclesiastica” di Filostorgio è andata perduta, ciò che ci è pervenuto riguardante l’autore deriva dal patriarca ortodosso Fozio, che ci dice “[Filostorgio] a questo punto dice che, al tempo del regno di Teodosio II, quella donna fu fatta a pezzi dai sostenitori della consustanzialità (od omousia)”. E’ evidente che l’autore si riferisse a tutti cristiani che si contrapponevano agli ariani (tra l’altro, questi ultimi negavano la natura divina del Cristo e Filostorgio era un ariano). In pratica, sembra supportare l’idea del gruppo di cristiani dall’animo surriscaldato. http://www.ccel.org/ccel/pearse/morefathers/files/philostorgius.htm
d. Sinesio (di Cirene) viene spesso richiamato, ma non risulta alcun testo di Sinesio che accusi Cirillo, ecco le sue lettere (le ho trovate in inglese, se non siete padroni della lingua saltate pure a piè pari):
Lettera 33 del 394 (incompleta) – Letter 33: In Praise of Alexander – To the Philosopher [Hypatia] – I seemed destined to play the part of an echo. Whatever sounds I catch, these I repeat. I now pass on to you the praises of the marvellous Alexander…[1] Note 1: Perhaps a relative of Synesius.
Lettera 124 del 401 ca. – Letter 124: A City in Wartime – To the Philosopher [Hypatia] – Even though “there shall be utter forgetfulness of the dead in Hades, even there shall I remember thee,”[1] my dear Hypatia. I am encompassed by the sufferings of my city, and disgusted with her, for I daily see the enemy forces, and men slaughtered like victims on an altar. I am breathing an air tainted by the decay of dead bodies. I am waiting to undergo myself the same lot that has befallen so many others, for how can one keep any hope, when the sky is obscured by the shadow of birds of prey? Yet even under these conditions I love the country. Why then do I suffer? Because I am a Libyan, because I was born here, and it is here that I see the honored tombs of my ancestors. On your account alone I think I should be capable of overlooking my city, and changing my abode, if ever I had the chance of doing so. Note 1: Homer, Iliad, 22.389.
Lettera 15 del 402 – Letter 15: A hydrometer – To the Philosopher [Hypatia] – I am in such evil fortune that I need a hydroscope. See that one is cast in brass for me and put together. The instrument in question is a cylindrical tube, which has the shape of a flute and is about the same size. It has notches in a perpendicular line, by means of which we are able to test the weight of the waters. A cone forms a lid at one of the extremities, closely fitted to the tube. The cone and the tube have one base only. This is called the baryllium. Whenever you place the tube in water, it remains erect. You can then count the notches at your ease, and in this way ascertain the weight of the water.
Lettera 81 del 413 – Letter 81: Death of Synesius’ Son; a Recommendation – To the Philosopher [Hypatia] – Even if Fortune is unable to take everything away from me, at least she wants to take away everything that she can, she who has “bereft me of many excellent sons”.[1] But she can never take away from me the choice of the best, and the power to come to the help of the oppressed, for never may she prevail to change my heart! I abhor iniquity: for one may, and I would fain prevent it, but this also is one of those things which were taken from me; this went even before my children. “Aforetime the Milesians were men of might”.[2] There was a time when I , too, was of some use to my friends. You yourself called me the providence of others. All respect which was accorded to me by the mighty of this earth, I employed solely to help others. The great were merely my instruments. But now, alas, I am deserted and abandoned by all, unless you have some power to help. I account you as the only good thing that remains inviolate, along with virtue. You always have power (NdLud: qui tra l’altro sembra confermare l’idea del coinvolgimento della donna nelle cose politiche, “you always have power”), and long may you have it and make good use of that power. I recommend to your care Nicaeus and Philolaus, two excellent young men united by the bond of relationship. In order that they may come again into possession of their own property, try to get support for them from all your friends, whether private individuals or magistrates. Note 1: Homer, Iliad, 22.44. Note 2: Aristophanes, Plutus, 1002.
Lettera 10 del 413 – Letter 10: Losing contact with the outer world – To the Philosopher [Hypatia] – I salute you, and I beg of you to salute your most happy comrades for me, august Mistress. I have long been reproaching you that I am not deemed worthy of a letter, but now I know that I am despised by all of you for no wrongdoing on my part, but because I am unfortunate in many things, in as many as a man can be. If I could only have had letters from you and learnt how you were all faring -I am sure you are happy and enjoying good fortune- I should have been relieved, in that case, of half of my own trouble, in rejoicing at your happiness. But now your silence has been added to the sum of my sorrows. I have lost my children, my friends, and the goodwill of everyone. The greatest loss of all, however, is the absence of your divine spirit. I had hoped that this would always remain to me, to conquer both the caprices of fortune and the evil turns of fate.
Lettera 16 del 413 – Letter 16: A farewell – To the Philosopher [Hypatia] – I am dictating this letter to you from my bed, but may you receive it in good health, mother, sister, teacher, and withal benefactress, and whatsoever is honoured in name and deed. For me bodily weakness has followed in the wake of mental sufferings. The remembrance of my departed children is consuming my forces, little by little. Only so long should Synesius have lived as he was still without experience of the evils of life. It is as if a torrent long pent up had bust upon me in full volume, and as if the sweetness of life had vanished. May I either cease to live, or cease to think of the tomb of my sons! But may you preserve your health and give my salutations to your happy comrades in turn, beginning with father Theotecnus and brother Athanasius, and so to all! And if any one has been added to these, so long as he is dear to you, I must owe him gratitude because he is dear to you, and to that man give my greetings as to my own dearest friend. If any of my affairs interests you, you do well, and if any of them does not so interest you, neither does it me.
Tutte le lettere di cui sopra sono reperibili sul sito specializzato http://www.livius.org
e. Malalas. Qui il discorso si fa un po’ più complicato, la sua opera si concentra sul meraviglioso e sul fantastico relativo a “fatti curiosi”; la stessa è ricca di errori grossolani e, dunque, poco credibile (almeno secondo il giudizio degli storici, vedi Ioannis Malalae Chronographia, Corpus fontium historiae Byzantinae di Johannes Thurn).
f. Esichio di Mileto. Ciò che questi scrisse nel suo Onomatologo fu: “Ipazia, […] Fu fatta a pezzi dagli alessandrini, e il suo corpo, oltraggiato, fu disperso per tutta la città. Questo a causa dell’invidia e della sua eccezionale sapienza, specialmente circa l’astronomia. Secondo alcuni [fu uccisa per responsabilità] di Cirillo, secondo altri per la continua agitazione e ribellione degli alessandrini: fecero questo anche per molti vescovi, si veda Giorgio e Proterio”. http://www.archive.org/stream/hesychiimilesii05flacgoog#page/n303/mode/1up
Per concludere, sembra che gli storici (quelli che si sono attenuti alle fonti storiche) non affermino il collegamento diretto tra Cirillo e gli assassini di Ipazia, ecco alcuni esempi:
1. Paolo Chiesa, Cirillo di Alessandria, in Il grande libro dei santi, vol. 1, Edizioni San Paolo 1998, p. 439: “Ipazia […] brutalmente uccisa nel corso di una sommossa provocata da elementi esaltati del clero minore”;
2. Kenneth G. Holum, Theodosian Empresses: Women and Imperial Dominion in Late Antiquity, 1982, p. 99, online: “Nel marzo del 415 altri [nota: intesi come distinti dai monaci dell’attentato ad Oreste] fanatici guidati da un chierico minore uccisero Ipazia”;
3. Karl Bihlmeyer, Hermann Tuechle, Storia della Chiesa, vol. 1, Morcelliana, 1960, p. 260: assassinio crudele di Ipazia “da parte della plebaglia cristiana di Alessandria”;
4. Wessel, Susan. Cyril of Alexandria and the Nestorian Controversy:The Making of a Saint and a Heretic, Oxford, 2004, p. 56-7: “I parabalani non furono mai ufficialmente coinvolti nel più grande ‘atto di terrore’ di quel tempo, l’omicidio di Ipazia […]. Possiamo plausibilmente concludere che l’omicidio di Ipazia debba essere attribuito a una banda di cristiani farabutti che non erano parabalani”;
5. Deakin, M.A.B. (1994:235): uccisa da “una folla di zeloti cristiani guidata dal lettore Pietro”;
Ed ecco esempi di storici cristiani che negano tale collegamento:
“[…] Su implacable lucha contra los últimos restos del paganismo fue, con toda probabilidad, la causa de que le acusaran, como insinúa Sócrates (Hist. eccl. 7,15), de haber sido responsable de la muerte de la famosa filósofa Hypatia, cruelmente despedazada, en marzo del 415, en la escalinata de una iglesia por una chusma de cristianos. Pero no parece que existen pruebas de que él tuviera parte en tan horrendo crimen […]”. Patrología II – La edad de oro de la literatura patrística griega. Prof. Johannes Quasten, B.A.C. Madrid 1962.
“[…] Damascius, indeed, accuses him, but he is a late authority and a hater of Christians. […]” JOHN CHAPMAN, St. Cyril of Alexandria, Catholic Encyclopedia
Un paio di articoli recenti al riguardo:
“[…]Ma se si esaminano i fatti storici reali, basandoci unicamente sui documenti, si conclude che non vi è nessuna prova di questa affermazione [nota: si parla dell’assassionio di Ipazia attribuito a Cirillo]. La morte di Ipazia si colloca nel quadro di un’età e di una zona in cui la confusione e le turbolenze sono al massimo grado e investono tanto l’autorità civile quanto la comunità cristiana. […]” 7 maggio 2010 Il Sussidiario

Fai clic per accedere a morani.pdf


“[…] Socrate non incolpa direttamente Cirillo dell’assassinio: egli dice solo che, poiché Ipazia aveva frequenti incontri con Oreste, si sparse «tra il popolo della Chiesa» la «voce calunniosa» che fosse lei ad impedire che il prefetto si riconciliasse con il vescovo. […]” «Avvenire» del 15 giugno 2010
http://terzotriennio.blogspot.it/2010/06/ma-non-e-detto-che-ipazia-fu-uccisa-dai.html

La storia e la vita sono piene di fatti e dubbi di cui non verremo mai a capo.

In conclusione, il problema e la ragione di questo articolo, come anticipato in incipit, è che molti hanno visto un film e letto un libro e credono di essere diventati degli esperti circa un argomento. Un po’ come se io pretendessi di conoscere la storia della teoria dei giochi perché ho visto A beautiful mind. Per questo motivo, ho raccolto (in occasione di un confronto con uno dei personaggi anzidetti) le informazioni di cui sopra e le ho volute condividere, sperando che le certezze infondate possano vacillare un po’. Nient’altro, non pretendo di avere un dato sicuro (anzi), ma solo di dire che chi pretende di avere sicurezza ha fonti che io ignoro oppure sta facendo affermazioni prive di un adeguato fondamento.

em.il.

Pubblicato il 21 agosto 2012 su Pensieri brevi. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. I go to see daily a few web pages and blogs to read
    content, except this website offers quality based content.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

SyncRonyA

Benvenuto nel mondo del fantastico, ti aspettano film, serie TV, libri e qualche dritta per gli scrittori

tiropoderoso

In fase di lavorazione...sempre e comunque

Io, ateo

La fede solleva delle montagne; sì: delle montagne d’assurdità. (André Gide)

A Magical Place

Cinema, Serie TV, Fumetti, ed altro...

Il Trono di Spade

L'inverno sta arrivando.

librolandia

Con il nostro pensiero, noi creiamo giorno per giorno il mondo che ci circonda.

brrrainblog

Così è, se vi pare.

Not A Blog

Così è, se vi pare.

Il Disinformatico

Così è, se vi pare.

Haramlik

Così è, se vi pare.

Fuffologia

Fuffari e creduloni: se li conosci non ti uccidono

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: